In un recente commento, Gianni Righinetti ha affrontato il controverso tema della riapertura della scuola dell’obbligo dopo lo stop imposto dall’emergenza COVID-19. In particolare, c’è un passaggio che ha attirato la mia attenzione: «La scuola a distanza, per chi frequenta le Medie, non è stata scuola, ma una sorta di gioco allo scaricabarile, con i genitori costretti a dover svolgere il mestiere del docente». Una frase forte, ingenerosa nei confronti dei docenti che hanno svolto un ruolo centrale nel periodo del lockdown.

Il sindacato OCST-Docenti si esprime sulle Direttive del DECS del 30 aprile relative alla scuola dell’obbligo e sull’Ordinanza del Consiglio federale del 29 aprile, la quale consente nuovamente l’insegnamento presenziale nella scuola dell’obbligo se attuato secondo un piano di protezione e prevede la possibilità di non svolgere alcun insegnamento in presenza a condizione che i Cantoni mettano a disposizione un’“offerta adeguata di servizi di custodia parascolastica”.

Il nostro Sindacato ha preso posizione nei confronti del Consiglio di Stato chiedendo un riscontro in merito allo stato dei lavori a seguito della Sentenza del 6 novembre 2019 emanata dal Tribunale cantonale amministrativo. 

L’emergenza sanitaria non può tuttavia far dimenticare le importanti conseguenze della sentenza del 6 novembre 2019 emanata dal Tribunale Amministrativo Cantonale che giudica destituite di basi legali le modalità con cui è stata applicata la penalizzazione di due classi salariali per i docenti neoassunti tra il 1997 e il 2013. Modalità sempre criticate come inique ed osteggiate dall’OCST-Docenti (a cui lo stesso Tribunale, per la medesima fattispecie, aveva dato torto nel 2006).

Sottocategorie