Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni abbonamento "Il lavoro">>

Formulario abbonamento>>

Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

2020

Il Lavoro n.1 del 6 febbraio 2020 Il Lavoro n.2 del 27 febbraio 2020
Il Lavoro n.3 del 12 marzo 2020 Il Lavoro n.4 del 28 maggio 2020
Il Lavoro n.5 del 18 giugno 2020 Il Lavoro n.6 del 9 luglio 2020
Il Lavoro n.7 del 3 settembre 2020 Il Lavoro n.8 del 24 settembre 2020
Il Lavoro n.9 del 15 ottobre 2020 Il Lavoro n.10 del 29 ottobre 2020
Il Lavoro n.11 del 12 novembre 2020

Travail.Suisse

Il Consiglio federale ha di nuovo modificato, venerdì 27 marzo, l’ordinanza Covid 19. Per Travail.Suisse, organizzazione alla quale appartiene anche l’OCST, l’introduzione di una finestra di crisi per i cantoni è la cosa giusta da fare. 

I delegati di Travail.Suisse si sono riuniti sabato 14 settembre a Berna per il congresso. Tra i presenti anche una folta delegazione del sindacato OCST, Durante il congresso, che ha luogo ogni 4 anni, sono state definite le posizioni e le rivendicazioni per il prossimo quadriennio. Le posizioni e le rivendicazioni di Travail.Suisse hanno avuto come slogan «cooperare al buon lavoro». Sono state pure votate tre risoluzioni.
Le persone che hanno più di 60 anni non dovrebbero più ritrovarsi in assistenza sociale. È quello che ha chiesto Travail.Suisse durante la quinta Conferenza nazionale sui temi legati ai lavoratori anziani. Questo in quanto la loro situazione sul mercato del lavoro, negli ultimi tempi, si è deteriorata e sono quindi necessarie misure concrete in tal senso.
Il fallimento della riforma Previdenza vecchiaia 2020 ha indotto a discutere di AVS e di LPP separatamente. Dopo il risultato della votazione sulla riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS, nelle scorse settimane sono iniziate a trapelare alcune proposte per il futuro del primo e del secondo pilastro.
La maggioranza borghese della Camera bassa è riuscita lo scorso 24-25 settembre a togliere ulteriore sostanza alla revisione della legge sull’uguaglianza. Travail.Suisse è profondamente delusa per il disprezzo dimostrato dalla maggioranza del Consiglio nazionale verso la metà della popolazione svizzera. Si spera che la camera alta posso correggere le modifiche.