Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2017

Il Lavoro n. 1 del 26 gennaio 2017
Il Lavoro n. 2 del 9 febbraio 2017
Il Lavoro n. 3 del 23 febbraio 2017

Prima pagina

La modifica del Codice delle obbligazioni sul rinnovo agevolato dei contratti normali di lavoro, voluta dalla Commissione tripartita cantonale e per essa dalle parti sociali, è stato un traguardo importante per il Ticino. Si trattava, in modo particolare, di assicurare una base giuridica più solida alla procedura. Con questa decisione cambia, di fatto, il margine di apprezzamento e sarà possibile prolungare un contratto normale quando «vi è motivo di credere che possano verificarsi nuovi abusi», cioè salari inferiori a quelli usuali in una professione priva di un contratto collettivo di lavoro.

Un Governo che dimostra diIl Consiglio di Stato, dando seguito alle indicazioni/imposizioni del direttore del Territorio responsabile del dossier, ha deciso di applicare la tassa di collegamento anche sui suoi parcheggi!

La votazione del 9 febbraio ha posto un problema che certamente non è di facile soluzione: dare una risposta alla domanda popolare di maggiore protezione del mercato del lavoro e, nel contempo, salvaguardare la vocazione di apertura della Svizzera e gli accordi internazionali già siglati.

Lo scorso 5 ottobre le organizzazioni del personale si sono incontrate con il Consiglio di Stato per affrontare due temi attualmente in discussione e che concernono i collaboratori della pubblica amministrazione: la Legge Stipendi e l’aumento delle tasse di parcheggio.

Dal 1. gennaio 2012 il settore del granito si è ritrovato in una situazione di vuoto contrattuale. Un lungo periodo cadenzato da polemiche, incertezze, tentativi di mediazione da parte del Consiglio di Stato e scioperi. L’Associazione padronale di categoria AIGT, dopo aver creato tutto questo scompiglio, ha pensato bene di sciogliersi e disinteressarsi completamente del settore.