Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2017

No image Il Lavoro n. 1 del 26 gennaio 2017
Il Lavoro n. 2 del 9 febbraio 2017 Il Lavoro n. 3 del 23 febbraio 2017
Il Lavoro n. 4 del 16 marzo 2017 Il Lavoro n. 5 del 30 marzo 2017
Il Lavoro n. 6 del 13 aprile 2017 Il Lavoro n. 7 del 4 maggio 2017
Il Lavoro n. 8 del 18 maggio 2017 Il Lavoro n. 9 del 1. giugno 2017
Il Lavoro n. 10 del 22 giugno 2017 Il Lavoro n. 11 del 13 luglio 2017
Il Lavoro n. 12 del 7 settembre 2017 Il Lavoro n. 13 del 21 settembre 2017
Il Lavoro n. 14 del 5 ottobre 2017

Prima pagina

Il Consiglio nazionale, dopo il Consiglio degli Stati e il Consiglio federale, ha accettato una modifica della legge per permettere un prolungamento del congedo maternità della madre nel caso in cui un neonato debba essere ricoverato in ospedale per più di tre settimane. Travail.Suisse è soddisfatta di questa decisione.

Nel 2015 la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha partecipato per la seconda volta all’indagine europea sulle condizioni di lavoro in collaborazione con la Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro (CFSL). Continua a essere alto il numero di lavoratori in Svizzera che dicono di godere di uno stato di salute buono o addirittura ottimo. Ma il margine d’azione dei dipendenti tende a diminuire.
«Tirocinio in sicurezza» è il nuovo opuscolo ideato da Travail.Suisse atto a sensibilizzare gli apprendisti sulle insidie del lavoro. «Il passaggio dai banchi di scuola al mondo del lavoro rappresenta un grande passo. Sicuramente il nuovo contesto offre interessanti compiti, ma anche sfide e pericoli» afferma Roman Helfer, Presidente di Jeunesse.Suisse.
OCST-Docenti - Codice etico a Lugano: un testo ambiguo e genericoÈ sufficiente una rapida lettura del comunicato stampa del 21 febbraio 2017 emanato dal Municipio di Lugano (vedi in basso) per capire come il Codice etico, la cui sottoscrizione è intesa come obbligatoria per ogni futuro docente, in realtà si muova ambiguamente e pericolosamente su piani diversi.
 
Lo stesso istoriato pubblicato dal Comune rivela chiaramente infatti che il documento è nato nel 2014 prioritariamente per rispondere ai ben noti problemi della gestione delle relazioni affettive inerenti non solo agli allievi, ma anche al comportamento degli insegnanti, il che è confermato, tra l’altro, anche dalla rilevanza del ruolo svolto nella preparazione del documento da parte della valida professoressa Myriam Caranzano, esperta in materia.
La camera dei Deputati ha approvato le modifiche alla «manovrina» finanziaria (D.L. 50/2017) proposta dal sindacato sui prepensionamenti, secondo pilastro e monitoraggio fiscale.
In particolare: